CIRCOLARE 11/2017: URGENTE: SCADENZA 31 LUGLIO 2017

Comunicazione relativa agli stabilimenti che eseguono le attività riguardanti materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti MOCA (art. 6 del D.Lgs. 10.2.17 n. 29).

Gli operatori che effettuano produzione di MOCA o attività di vendita all'ingrosso di MOCA devono effettuare comunicazione, in adempimento dell'articolo 6 del D.lgs 10 febbraio 2017 n.29, all'autorità sanitaria territorialmente competente di cui al Reg. 2023/2006 (ad eccezione degli stabilimenti che svolgono esclusivamente attività di distribuzione al consumatore finale).

Le attività già esistenti dovranno effettuare tale comunicazione tramite SUAP (sportello unico attività produttive) entro il 31 luglio utilizzando l’apposito modello .

Fino ad eventuali diverse disposizioni, gli operatori non devono pagare diritti sanitari in relazione a tale comunicazione.

La comunicazione è d’obbligo per le imprese che svolgono le seguenti attività:

• Produzione in proprio o per conto terzi di:
- materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con alimenti
- materie prime (MP) destinate alla produzione di MOCA. Per le materie plastiche, l'obbligo di comunicazione riguarda la produzione e la trasformazione dei polimeri, mentre è esclusa dall'obbligo di comunicazione la produzione delle sostanze utilizzate per la formazione dei polimeri (additivi, catalizzatori, monomeri ecc.).

•Trasformazione di Materie Prime: comprende la produzione di MOCA a partire da materie prime adatte al contatto con alimenti, es. produzione di Tetrapack ® e poliaccoppiati, formatura di vaschette in alluminio a partenza da fogli sottili e laminati, stampaggio a iniezione di bottiglie in PET o altre materie plastiche, stampa di pellicole, carte, cartoni ecc.

•Assemblaggio: comprende la produzione di oggetti a contatto con alimenti partendo da materie prime  adatte al contatto con gli alimenti (ad es. produzione macchinari, attrezzature, elettrodomestici...)

•Deposito: comprende l’esclusiva attività di stoccaggio svolta a supporto di imprese che producono,  trasformano o assemblano materie prime o MOCA.

•Distribuzione all'ingrosso: comprende gli Operatori economici che svolgono attività di  commercio/distribuzione all'ingrosso/importazione di Materie Prime o MOCA (destinati ad altri OE o  altre imprese alimentari), anche attraverso forme di commercio tipo e-commerce. Rientrano in questa  tipologia anche gli importatori intermediari di Materie prime e MOCA destinati ad altri Operatori  economici o direttamente a imprese alimentari.

 

Il D.lgs 10 febbraio 2017 n.29 introduce anche specifiche sanzioni per gli obblighi stabiliti dai regolamenti comunitari del settore, che vanno da un minimo di 1.500€ ad un massimo di 80.000€ (cessione di sostanze nocive per la salute umana).

Inoltre le imprese dovranno dimostrare di documentare ed applicare quanto stabilito dal Reg. 2023/2006 (GMP).

 

I nostri tecnici sono a disposizione per fornire ulteriori informazioni sull’argomento.

 

 

Cordiali saluti,

Ecoricerche Srl

 

© Copyright riservato - Ecoricerche S.r.l. - Vietata la riproduzione o la copia integrale o parziale omettendo logo e fonte. La pirateria editoriale è reato ai sensi della Legge 18 agosto 2000 n. 248

 

I commenti sono chiusi